Imbocchiamo la fortuna

Erano almeno quarant’anni che non ne vedevo una, una di quelle vere intendo, con tutti i suoi puntini neri al posto giusto. Me la sono ritrovata addosso, mentre facevo due passi sul pontile.

Che carina! Una pallina rossa così delicata che non sapevo neppure come prenderla, per farla scendere.

L’ho accompagnata con la mano verso un riparo sicuro, e lei ha lentamente percorso il mio dito, con qualche esitazione.

Si, erano circa quarant’anni, l’ultima volta che ricordo ero a Galatone, nella casa in campagna dove trascorrevo parte dell’estate. Chissà perché quel luogo mi ricorda le coccinelle…

Forse è complice il gestore della stazione di benzina dove eravamo soliti fermarci. Ricordo che una volta mi regalò (avrò avuto dieci anni) una calamita a forma di coccinella, di quelle cose pubblicitarie che davano ai clienti. Adesso neanche un calendario.

Che strana la mente, quell’immagine è ancora indelebile nei miei ricordi. Magari non rammento cosa ho mangiato ieri sera, ma certe cose, inspiegabilmente, ti restano attaccate dentro.

Comunque sia, tornando alla nostra coccinella marinara, mi ha donato un bel sorriso di mattina.

Rientro in barca, dopo un breve giro, ed eccola lì che mi guarda dalle scotte della randa, aggrappata a sfidare il vento.

Fermi tutti, già una volta è caso raro, due poi! E questa sembra seguirmi… Impossibile. Come fa a sapere, tra tante barche, qual’è la mia?

Sta a vedere che un po’ di fortuna, proprio adesso che ne avrei bisogno, mi vuole accompagnare nel viaggio.

Ecco, allora vediamo di darle una mano a ‘sta fortuna, che magari è solo coincidenza, ma che a crederci non mi costa nulla.

Vieni bellina, vieni, che ti do qualcosa da mangiare. E se fai la brava ti preparo anche la casetta a bordo.

La fortuna, quando arriva, va trattata bene.

Massimo Bidetti Leoni

Giornalista, fotoreporter, navigante, libero pensatore. Fiorentino di nascita, affetto da sindrome multipolare, ho una spiccata tendenza misantropa e sono portatore sano di empatia per il mondo animale. Tra l'uomo e il cane, scelgo il secondo. Amo leggere, scrivere e raccontare storie, per immagini e parole. Se non mi trovate sono in mare, sopra o sotto la superficie.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.